QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PESCIA
Oggi 13° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
venerdì 22 novembre 2019

Attualità martedì 21 giugno 2016 ore 13:17

La casa degli arresti domiciliari è un coffee-shop

Un monsummanese ai domiciliari per spaccio ha trasformato la sua abitazione in un coffee-shop dove consumare hashish e marijuana



MONTECATINI TERME — Era stato arrestato per spaccio nel Febbraio scorso e sottoposto agli arresti domiciliari per circa un mese.

Ma l'uomo, originario di Monsummano, non aveva abbandonato la sua attività illegale: aveva infatti allestito nella sua abitazione una sorta di vero e proprio "coffee shop" dove i clienti potevano consumare in tutta tranquillità l'hashish e la marijuana che lo stesso padrone di casa forniva loro.

Nel corso di un'indagine anti-droga dei Carabinieri sono stati individuati altri due complici, un 19enne di origine albanese, molto attivo nello spaccio nei confronti di coetanei nella zona del Kursaal di Montecatini, e un operaio 23enne di origine ucraina residente a Massa e Cozzile. 

Nel complesso l'indagine ha consentito di appurare che fra il Febbraio e l'Aprile scorsi sarebbero state effettuate dalla banda almeno 210 dosi di hashish e marijuana e di individuare una ventina di giovani assuntori di età compresa fra i 18 e 25 anni, tutti della Valdinievole, che sono stati segnalati alla prefettura di Pistoia.



Mes, Di Maio: «Nessuno scontro con Conte»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità