Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PESCIA15°  QuiNews.net
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
sabato 17 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità giovedì 08 aprile 2021 ore 17:35

Agricoltori in campo anche per i vaccini Covid

vaccinazione covid

Sono 10 le aziende agricole pronte ad aprire alle vaccinazioni sul posto di lavoro, così come l'ufficio provinciale di Confagricoltura



PISTOIA — Agricoltori in campo par quasi un'ovvietà, ma questa volta si tratta dei vaccini anti Covid-19: sono 10 le aziende agricole pronte ad aprire alle vaccinazioni sul posto di lavoro, così come l'ufficio provinciale di Confagricoltura Pistoia. Così, anche se secondo Inail ll lavoro agricolo è a basso rischio di contagio Covid, gli imprenditori rurali vogliono dare il loro contributo alla ripresa.

Le aziende che si sono rese disponibili a mettere a disposizione le sedi aziendali per creare punti straordinari di vaccinazione e l'ufficio provinciale di Confagricoltura saranno dunque teatro delle vaccinazioni dei dipendenti che lo vorranno. A renderlo noto è il direttore di Confagricoltura Pistoia Daniele Lombardi, ricordando che per le aziende agricole c'è ancora tempo fino al 30 aprile per aderire al Protocollo nazionale per la realizzazione dei piani aziendali finalizzati all’attivazione di punti straordinari di vaccinazione anti SARS-CoV-2/Covid-19 nei luoghi di lavoro sottoscritto ieri l’altro dal Governo e le parti sociali, fra le quali anche Confagricoltura. 

L’adesione al Protocollo da parte delle imprese agricole è assolutamente volontaria e potranno aderire tutti i datori di lavoro del settore, indipendentemente dal numero di lavoratori occupati. Anche se, verosimilmente, saranno le imprese di certe dimensioni ad essere maggiormente interessate, potendo contare su spazi adeguati. La somministrazione del vaccino potrà avvenire secondo tre diverse modalità: somministrazione diretta in azienda (con costi a carico del datore di lavoro, salvo i vaccini che saranno forniti dalle autorità sanitarie regionali); somministrazione in convenzione con strutture sanitarie private (anche per il tramite delle sedi territoriali di Confagricoltura); somministrazione tramite l’Inail (per i datori di lavoro che non sono tenuti alla nomina del medico competente ovvero non possano fare ricorso a strutture sanitarie private).

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con le nuove vittime odierne rilevate dai bollettini ufficiali sale a 520 il numero di morti per il virus nel Pistoiese dall'inizio della pandemia
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità