comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:36 METEO:PESCIA14°  QuiNews.net
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
venerdì 22 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo scontro tra Gomez e Calenda a Piazzapulita: «Vuole insegnare il mestiere al Prof. Galli»

Attualità martedì 07 marzo 2017 ore 11:15

Una mostra sui mercati dei fiori

Il vecchio mercato dei fiori

Le due strutture architettoniche conosciute all'estero saranno al centro di un'iniziativa a giugno. Si cercano foto e video amatoriali



PESCIA — È in fase di preparazione una mostra sul tema dei due Mercati dei Fiori, promossa dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Fondazione Michelucci, Ezio Godoli, saggista e ordinario di storia dell’architettura contemporanea all’Università di Firenze, e Claudia Massi, storica dell’architettura. La mostra si svolgerà nel mese di giugno al Palagio. L’iniziativa è anche tesa a ricordare il centenario della nascita di uno dei progettisti, Leonardo Savioli.

Pescia è conosciuta all’estero per l’architettura dei due mercati floricoli. In particolare il primo mercato degli architetti Enzo Gori, Giuseppe Giorgio Gori, Leonardo Savioli, Leonardo Ricci e dell’ingegnere Emilio Brizzi è stato indicato poco dopo la sua realizzazione come una delle architetture più rappresentative della ricostruzione in Italia, dai due volumi Italy builds (Londra 1955) e The new architecture of Europe (New York 1961) di George Everard Kidder Smith che, tradotti in più lingue, hanno avuto una ampia circolazione internazionale. Non minore è stata la fortuna del secondo mercato progettato da Leonardo Savioli e Danilo Santi salutato dalla stampa internazionale come una realizzazione capace di tradurre in realtà la tecnologia di un avvenirismo visionario di Archigram e di Cedric Price e per questo spesso associata non a sproposito al Centre Pompidou di Parigi di Renzo Piano e Richard Rogers.

I curatori stanno raccogliendo il materiale iconografico che diventerà oggetto dell’esposizione. Per questo si fa appello ai cittadini che conservano fotografie, o altri materiali iconografici (film, riprese, video, disegni, etc.) affinché vogliano metterli a disposizione temporaneamente. I materiali saranno raccolti fino alla prima settimana di aprile. Come è ovvio, in fase di allestimento saranno citati i proprietari delle immagini. Chi non intendesse prestare il documento originale potrebbe inviare una scansione dell’immagine a colori a 300 dpi. L’indirizzo a cui rivolgersi è quello della segreteria del sindaco (segreteriasindaco@comune.pescia.pt.it).



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità