comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:20 METEO:PESCIA-0°9°  QuiNews.net
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
martedì 26 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte si dimette, da sconosciuto a premier: il blob dei suoi 30 mesi a Palazzo Chigi

Attualità lunedì 20 giugno 2016 ore 20:00

"Renzi, vieni a salvare le Terme"

Silvia Motroni della lista "Ora" scrive al premier Matteo Renzi invitandolo a vedere le bellezze delle Terme per salvarle dall'impasse Comune-Regione



MONTECATINI TERME — "Caro Renzi, mentre sta tornando verso casa, faccia una deviazione a Montecatini per venire a vedere le Terme e ci aiuti a riportarle al ruolo che le compete".

Silvia Motroni, professione avvocatessa e rappresentante della lista civica "Ora", ha scritto al premier Matteo Renzi per chiedere l'aiuto del Governo e salvare le Terme dall'impasse tra Comune e Regione.

"Le nostre terme, raro esempio di perfezione dell'architettura liberty, per oltre un secolo sono statele ambasciatrici nel mondo della bellezza toscana, dell'ospitalità e del benessere - scrive Motroni - Investimenti sbagliati però, errori nella privatizzazione, nella gestione, nelle valutazioni sul futuro del comparto e, infine, la crisi economica internazionale dell'ultimo decennio, hanno messo in ginocchio tutto il sistema terme-città provocando una deriva e un degrado a cui nessuno pare saper mettere fine". 

Per questo la consigliera comunale fa affidamento alla sensibilità che Renzi ha sempre dimostrato, fin dal suo incarico di sindaco, a salvaguardia della bellezza: "Oggi le quote della società Terme di Montecatini S.p.A. sono divise tra Regione Toscana e Comune di Montecatini. Avevamo addirittura intravisto una luce in fondo al tunnel quando l'attuale Governatore della Toscana Enrico Rossi, in un'assemblea pubblica e di concerto con l'amministrazione comunale, ha manifestato la volontà, anche attraverso delibere regionali, di voler investire, per la propria quota parte, quanto necessario per un serio e definitivo piano di rilancio. Oggi la nostra amministrazione comunale, non senza difficoltà, sta cercando di raccogliere i fondi per l'investimento necessario mentre da parte dell'altro socio si riscontrano lentezze, tatticismi, scarso entusiasmo, tanto che molti cittadini cominciano a chiedersi cosa impedisca la realizzazione di un impegno pubblicamente assunto che se disatteso metterebbe assolutamente in ginocchio, per sempre, l'economia, la storia, la cultura, la vita stessa di migliaia e migliaia di famiglie".

Un appello che termina con l'invito al premier di venire a Montecatini: "La invitiamo un giorno qualsiasi, magari quando è di ritorno verso casa, a una piccola deviazione, anche di pochi minuti, perché siamo certi che Lei, da quel momento, da “uomo del fare”, comincerà a “fare” insieme a noi. Noi La aspettiamo fin da adesso, da Presidente del Consiglio, da segretario del PD o da semplice italiano amante della bellezza, per aiutarci nella impresa di riportare Montecatini Terme al ruolo che le compete. Qui c'è davvero bisogno di Lei".



Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Attualità