Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:50 METEO:PESCIA8°  QuiNews.net
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Patrick Zaki di nuovo a casa: «Grazie Italia, voglio tornare presto. Aspettatemi»

Attualità venerdì 22 ottobre 2021 ore 17:28

Sanitari no vax, nella Asl Centro 140 sospesi

infermieri

Sono state adottate 6 nuove delibere di sospensione per inadempimento vaccinale. Riguardano 5 dipendenti e un medico di continuità assistenziale



FIRENZE — Sei nuove delibere di sospensione per inadempimento dell'obbligo vaccinale contro il Covid-19 sono stati firmate in Asl Centro all'indirizzo di altrettanti sanitari: 2 fisioterapisti, un educatore professionale, 2 tecnici della prevenzione, un medico di continuità assistenziale.

Con questi ulteriori provvedimenti salgono a 186 gli atti affini adottati nella Asl Toscana Centro - che si estende tra le province di Firenze, Prato e Pistoia - e arrivano a 140 i sanitari no vax attualmente sospesi.

Infatti 46 tra le delibere prodotte sono state poi revocate dopo che i professionisti si sono vaccinati o hanno comunque definito la loro posizione. L'azienda sanitaria fa sapere di aver attivato le procedure per sostituire il medico. Tutti i provvedimenti saranno efficaci da domani.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Intanto prosegue la cavalcata dei contagi tra capoluogo e piana, montagna e Valdinievole. Ecco tutti i dati aggiornati in dettaglio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS