comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PESCIA
Oggi 16° 
Domani 19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
venerdì 03 aprile 2020
corriere tv
Il procuratore nazionale antimafia De Raho: «I clan hanno necessità di collocare i soldi liquidi: ecco come si approfitteranno della crisi»

Attualità mercoledì 26 febbraio 2020 ore 23:28

Covid-2019, confermati i primi due casi in Toscana

L'istituto superiore di sanitá ha validato i primi due casi positivi al test del coronavirus, l'informatico di Pescia e l'imprenditore fiorentino



ROMA — Le analisi di secondo livello effettuate dall'Istituto superiore di sanitá hanno confermato che i primi due casi sospetti di contagio da Covid-2019 in Toscana hanno effettivamente contratto la nuova influenza cinese. Restano in attesa di validazione gli altri due casi sospetti positivi.

Contagio confermato quindi per l'uomo di 39 anni residente a Pescia, informatico, rientrato giovedí scorso da Codogno, uno degli epicentri dell'epidemia nel nord Italia, e ricoverato all'ospedale di Pistoia in isolamento. Le sue condizioni sono buone.

L'altro caso confermato è l'imprenditore fiorentino di 63 anni ricoverato all'ospedale di Ponte a Niccheri con la polmonite. Il suo quadro clinico é più complesso ma stazionario. L'uomo era tornato da Singapore con la famiglia il 6 Gennaio. La moglie e il figlio sono risultati negativi ai primi test.

Si attende la conferma definitiva dell'Iss per gli altri due casi sospetti risultati positivi al tampone, entrambi a Firenze: un vicino di casa 65enne dell'imprenditore tornato da Singapore, ricoverato a Careggi, e uno studente norvegese di 27 anni in Italia per seguire alcuni corsi dell'Universitá di Firenze,   in isolamento al SS.Annunziata di Ponte a Niccheri (vedi qui sotto gli articoli collegati).

Per quanto riguarda l'indagine epidemiologica, in Toscana sono 273 le persone poste in isolamento domiciliare per 14 giorni, sotto sorveglianza attiva, perché entrate in contatto con le persone contagiate, compresi i due turisti cinesi transitati da Firenze, ricoverati all'istituto nazionale malattie infettive Spallanzani di Roma e ormai guariti. 

Fra le persone in quarantena domiciliare ci sono quattro giovani che hanno fatto una gita insieme allo studente norvegese e altri studenti dell'Università di Firenze entrati in contatto con lui. In tutto l'ateneo ha fornito i nomi di 56 persone, due docenti e 54 iscritti ai corsi. Nessuno, al momento, mostra sintomi.

Sono una quarantina invece i contatti rintracciati dell'informatico di Pescia e una trentina quelli dell'imprenditore fiorentino.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità