Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:PESCIA13°20°  QuiNews.net
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Aliseo, «I libici hanno sparato sul peschereccio per uccidere»

Cronaca sabato 20 febbraio 2021 ore 09:09

L'ultima frontiera dello spaccio: l'uso del drone

Gli spacciatori si segnalavano ai clienti tenendo in volo il drone, per indicare la posizione. Sequestrata cocaina per un valore di oltre 50mila euro



PRATO — Sono stati arrestati tra Prato e Montecatini Terme due pusher che segnalavano la loro presenza ai tossicodipendenti con l’utilizzo di un drone.

Tre giorni fa, verso le 21,45 a Prato i carabinieri hanno arrestato due giovani, di 27 e 29 anni, entrambi marocchini e domiciliati a Montecatini Terme, celibi, disoccupati e pregiudicati.

Poco ore prima i due erano stati trovati in un giardino pubblico a Prato con due dosi di cocaina e nella perquisizione dell'auto erano emerse altre dosi, per un totale di 108 grammi. A casa sono stati trovati altri 412 grammi di cocaina e 1595 euro in contanti, ritenuti provento dello spaccio.

Il tutto è stato sequestrato, la stima del valore della della cocaina posseduta dai due è di 52mila euro.

I due spacciavano prevalentemente di pomeriggio nelle vicinanze dei giardini pubblici e per segnalare la loro presenza ai consumatori utilizzavano un drone a quattro rotori, di piccole dimensioni e di colore arancione che ponevano in volo verticale stazionario, a poca distanza da loro. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I contagi emersi in più rispetto a ieri si trovano spalmati sul territorio tra Piana, montagna e Valdinievole. Il dettaglio dai bollettini ufficiali
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS