comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:26 METEO:PESCIA16°  QuiNews.net
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
mercoledì 28 ottobre 2020
corriere tv
Coronavirus, l'allarme di Walter Ricciardi: «Il nuovo Dpcm non è sufficiente, servono lockdown locali»

Attualità mercoledì 02 novembre 2016 ore 18:24

"Sul raddoppio aspettiamo risposte da Rfi"

A dirlo è l'assessore regionale alle infrastrutture Ceccarelli, dopo l'invito a ''battere un colpo'' rivoltogli dal segretario della Fit-Cisl



FIRENZE — "Non mi unirò al coro dei tuttologi, pronti a indicare soluzioni ideali basate su non si sa quali approfondimenti. La Regione darà il suo parere sul secondo lotto del raddoppio ferroviario Pistoia-Lucca quando sarà il momento, come accade ogni volta che si realizza una grande opera di carattere nazionale, ma non parteciperò allo scontro tra localismi e ''fazioni'' che si è aperto e che sta rischiando di far sfumare un'opportunità irripetibile per il territorio".

A dirlo, in una nota, è l'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli, dopo l'invito a ''battere un colpo'' rivoltogli dal segretario della Fit-Cisl attraverso la stampa. 

Dopo aver ricordato l'impegno, anche economico, della Regione per sbloccare i fondi statali, Ceccarelli sottolinea come per l''attraversamento al nodo di Montecatini, "in un recente incontro abbiamo chiesto a Rete ferroviaria italiana di verificare tutte le criticità presenti nell'area e proporre soluzioni. Adesso aspettiamo di vedere l''esito di questo lavoro, che è ancora in corso non perché si ''temporeggi'', come sostiene il segretario della Fit-Cisl Toscana Stefano Boni, "ma perchè sono ancora in corso rilievi e sopralluoghi". 

Ceccarelli ha precisato che, come Boni, è preoccupato per la situazione che si è venuta a creare a Montecatini e che rischia di mettere in discussione un'opera strategica, attesa da decenni. 

"Tuttavia - aggiunge - mi stupisce è che la Cisl indichi la Regione come soggetto chiamato a decidere su questa questione. Quando sarà il momento daremo il nostro parere ma oggi la partita riguarda la stazione appaltante, che è Rete Ferroviaria Italiana in quanto gestore dell'infrastruttura ferroviaria, e i Comuni attraversati dal tracciato". "La Regione non può sostituirsi ad Rfi - conclude l'assessore -. E' necessario che gli amministratori locali trovino il coraggio di arrivare ad una sintesi, di superare paure e localismi, di affrontare la questione in maniera serena e razionale. In alternativa il rischio è che l''intero territorio perda un''occasione storica di sviluppo".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità