QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PESCIA
Oggi 18°31° 
Domani 17°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
sabato 21 luglio 2018

Cronaca martedì 22 maggio 2018 ore 13:40

I topi d'appartamento col pallino delle auto

Smantellata dai carabinieri una banda che in pochi mesi ha messo a segno 10 colpi in lucchesia e Valdinievole. Spesso portavano via anche le macchine



MONTECATINI TERME — Due sono finiti in manette, gli altri due sono indagati in stato di libertà. In ogni caso la banda di cui erano parte non colpisce più. A smantellarla sono stati i carabinieri di Lucca che hanno arrestato un 26enne e un 37enne, entrambi albanesi, autori insieme ai complici di almeno dieci colpi, sei messi a segno nella provincia di Lucca e 4 in quella di Pistoia. Le manette sono scattate a Montecatini Terme

La tecnica utilizzata dalla banda era ben oliata. Sceglievano sempre case facili da assaltare e con vie di fuga immediate, quasi sempre abitazione con affaccio diretto sulla strada o isolate, prive di sistemi di allarme e di videosorveglianza. I colpi erano messi a segno di solito nel tardo pomeriggio, con il favore dell'oscurità a un'ora in cui i proprietari tendenzialmente erano ancora fuori per lavoro. Una volta fatta irruzione rubavano di tutto, soprattutto gioielli, oro e denaro contante. Avevano anche l'abitudine di portare via le seconde chiavi delle auto che poi tornavano a prendere nei giorni successivi. 

Le indagini sono iniziate dalla denuncia di una donna che, uscita di casa ma sempre nelle immediate vicinanze,  ha notato movimenti sospetti all'interno dell'abitazione grazie allo strumento utilizzato per monitorare il figlio di tre anni che in quel momento era in casa a dormire. Rientrata, si è trovata davanti i ladri che sono scappati via mentre lei chiamava il marito. Quest'ultimo, arrivato a casa, ha fatto in tempo a notare alcuni numeri della targa dell'auto a bordo della quel i malviventi sono scappati. Tanto è bastato per risalire a uno dei malviventi e poi, di conseguenza, a tutti gli altri.

Ora le indagini proseguono per chiarire sei la banda sia responsabile anche di altri colpi messi a segno con la stessa procedura. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca