QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PESCIA
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
venerdì 24 febbraio 2017

Attualità martedì 24 gennaio 2017 ore 11:05

Il piano di Giurlani per i cimiteri

La chiesa del cimitero, chiusa per motivi di sicurezza

Il sindaco ha ricevuto 800 firme raccolte per denunciare lo stato del cimitero centrale. Ci vogliono 330mila euro per sistemare chiesa e tetto

PESCIA — Il sindaco di Pescia Oreste Giurlani è intervenuto con un video per spiegare gli interventi in programma per la sistemazione dei cimiteri.

Giurlani ha parlato della situazione dopo aver ricevuto da un rappresentante dei cittadini le 800 firme che i pesciatini hanno raccolto per sensibilizzare l'amministrazione sulla situazione del cimitero centrale. Il sindaco ha sottolineato che anche altri cimiteri del Comune hanno necessità di manutenzioni.

Giurlani ha spiegato che le situazioni più critiche per quanto riguarda il centrale riguardano la chiesa, al momento chiusa per motivi di sicurezza, la parte monumentale e la parte nuova, costruita circa venti anni fa. In quest'ultima parte il problema è che piove nei loculi. 

Giurlani ha chiarito che gli interventi sono all'ordine del giorno e che sono stati messi insieme una serie di progetti da parte di privati per sistemare la chiesa.

Il primo cittadino ha sottolineato che la situazione dei cimiteri era critica già dal momento del suo insediamento e che ci sono state altre priorità da affrontare, come la scuola.

Giurlani ha anche fatto sapere che sono stati costruiti nuovi loculi in altri cimiteri, come a Collodi ma nuovi loculi sono necessari in tutti i cimiteri. Per quanto riguarda le cifre il sindaco ha detto che ci vogliono 250mila euro per sistemare la chiesa e altri 80mila euro per rifare il tetto della parte nuova, quella dove al momento ci sono infiltrazioni d'acqua nei loculi. 

Giurlani ha concluso con l'auspicio di riportare il cimitero centrale agli "antichi splendori" entro un paio d'anni.

Tag