QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PESCIA
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
venerdì 24 febbraio 2017

Attualità martedì 07 febbraio 2017 ore 10:29

Giurlani chiama Viareggio e i figli dei fiori

Appello del sindaco: "Rifondiamo insieme il distretto floricolo, mi rivolgo a tutti i Comuni dove c'è florovivaismo, lucchesi e pistoiesi in primis"

PESCIA — Il sindaco Oreste Giurlani ha rivolto un appello ai sindaci del distretto floricolo. L'obiettivo del sindaco pesciatino è quello di ricostituire il distretto floricolo.

"Il messaggio - ha esordito Giurlani - è rivolto in primis a Viareggio, l’altro territorio comunale ad alta vocazione florovivaistica del Distretto floricolo interprovinciale Lucca Pistoia, negli ultimi tempi latitante su questo fronte. Ma l’appello riguarda tutti i Comuni dell’attuale area distrettuale e persino quelli confinanti dove c’è florovivaismo".

"Vista la scelta regionale - ha ripreso Giurlani - di credere nel Mefit (Mercato dei fiori della Toscana, città di Pescia) e la volontà manifestatasi di rilanciare il florovivaismo, mi appello a tutti i Comuni che si trovano nell’area attuale del Distretto floricolo Lucca Pistoia. Abbiamo la fortuna di un distretto interprovinciale che copre molti comuni abbracciando tutte le aree produttive del florovivaismo, sfruttiamolo partecipando tutti attivamente alla sua riforma, divenuta necessaria con la nuova legge regionale sui distretti vicina all’approvazione definitiva, e al suo rilancio".

Il sindaco Giurlani è intervenuto in seguito alla riunione del comitato del Distretto floricolo interprovinciale Lucca Pistoia tenutasi il 2 febbraio a Pescia alla presenza dell’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi. Un incontro dal quale è emersa la volontà anche da parte della Regione Toscana di verificare seriamente le possibilità di rilanciare il distretto. Il tutto tenendo conto del mutato contesto normativo definito dalla nuova disciplina regionale in materia di distretti che è in dirittura d’arrivo.

"Secondo il Comune di Pescia – ha ripreso Giurlani - è importante che il Distretto, nato oltre dieci anni fa, rimanga in essere, perché è una risorsa per le aziende del settore presenti nel territorio. Pertanto chiedo agli attuali soggetti promotori che lo compongono di lavorare per mantenerlo e anzi rafforzarlo".

"E’ necessario – ha specificato il primo cittadino - coinvolgere gli altri Comuni, a cominciare da Viareggio, che è l’altra area produttiva floricola importante del distretto, e mettersi intorno a un tavolino a fare un progetto di rilancio restando uniti. Dobbiamo adeguare il Distretto alla nuova legge regionale, che è già stata scritta ma deve essere approvata definitivamente dal Consiglio regionale fra due o tre mesi, e stilare il progetto o piano di sviluppo distrettuale in essa previsto".

"La nuova legge regionale – ha spiegato il sindaco di Pescia - indica infatti, da un lato, procedure più snelle di formazione e funzionamento e al posto del comitato di distretto un’assemblea (a cui possono partecipare tutti i soggetti coinvolti a qualunque titolo nel settore produttivo o territorio alla base di esso) e almeno un soggetto referente; dall’altro lato che ogni distretto elabori un piano di sviluppo pluriennale (da 3 a 5 anni) che, se poi non viene attuato, si può determinare lo scioglimento del distretto".

"Dunque – ha concluso Giurlani - bisogna che tutti i Comuni attualmente compresi nel distretto, Viareggio in testa, e magari, perché no, anche altri Comuni confinanti interessati in cui c’è una significativa produzione florovivaistica, ci credano e uniscano le forze per rifondare e rilanciare il distretto floricolo".

Tag