QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PESCIA
Oggi 15°28° 
Domani 15°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdinievole, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdinievole
domenica 28 maggio 2017

Attualità giovedì 02 febbraio 2017 ore 15:28

Il cuore dei bambini ancora più protetto

L'ospedale Ss Cosma e Damiano è l'undicesima struttura toscana che entra in telemedicina pediatrica. Sono ora possibili diagnosi telematiche d'urgenza

PESCIA — L’ospedale SS Cosma e Damiano è entrato nella Rete del cuore Toscana. Quella della Valdinievole è l’undicesima postazione di telemedicina, un sistema di teleconsulto in ambito pediatrico che permette l’invio e la visualizzazione di immagini ecocardiografiche in diretta dall’ospedale di Pescia alla Fondazione Toscana Gabriele Monasterio.

Il sistema permette la diagnosi in urgenza, nel caso di specifiche patologie di malformazioni cardiache da accertare in fase pediatrica/neonatale o prenatale, attraverso un collegamento sicuro e protetto in rete, tra i clinici specialisti dell’ospedale del Cuore di Massa (Opa) e quelli dell’ospedale pesciatino.

Il progetto è stata presentato questa mattina da Luciano Ciucci, direttore generale, Fondazione Toscana Gabriele Monasterio, da Gianluca Rocchi, PastGovernatore Lions 108La Toscana, da Alessandro Taddei – ingegnere CNR Pisa ideatore del progetto, alla presenza del presidente della Società della salute della Valdinievole Pier Luigi Galligani e del sindaco di Pescia Oreste Giurlani.

La dottoressa Sara Melani, in rappresentanza dell’Azienda Sanitaria e direttore sanitario dell’ospedale ha ringraziato quanti si sono adoperatori per la realizzazione del progetto: “Siamo soddisfatti e orgogliosi – ha detto - di entrare a far parte di una rete dedicata ai neonati e ai bambini, in particolare i nostri professionisti potranno essere in contatto on line con un centro di alta specialità, che innalza ulteriormente la qualità delle nostre prestazioni in ambito pediatrico e cardiologico”.

Il direttore della cardiologia Marco Comeglio insieme ai dottori Stefano di Marco e Carlo Botti, rispettivamente specialisti di cardiologia e pediatria, ha evidenziato che l’interazione della tecnologia con la clinica, in un settore delicato come quello pediatrico, permetterà lo scambio reciproco tra le competenze dei professionisti con sicuri vantaggi nella diagnosi precoce delle patologie malformative cardiache ai piccoli pazienti.

Per il sindaco di Pescia il nuovo sistema integra il percorso pediatrico presente in Valdinievole: “I nostri bambini e le loro famiglie – ha detto Giurlani - a prescindere dalla presenza di un reparto pediatrico, hanno a disposizione un percorso completo, di cura e assistenza, che oggi si sviluppa ancora di più con un servizio di alta qualità ed eccellenza”.

Il presidente della SDS Galligani ha invece posto l’accento sul fatto che, l’integrazione di Pescia nella rete del teleconsulto cardiaco pediatrico toscano, rappresenta un ulteriore segnale di interesse nei confronti del S.S. Cosma e Damiano dove si stanno operando significativi investimenti e sviluppando innovazioni importanti con una rinnovata attenzione e azioni concrete.

Il progetto Arriviamo al cuore di tutti è nato dalla stretta sinergia tra la Regione Toscana e la Fondazione Gabriele Monasterio ed è stato possibile realizzarlo grazie alla generosità dei Lions Club - Distretto 108.

La Toscana che hanno interamente finanziato il progetto assieme alla Fondazione Internazionale Lions ( LCIF). La donazione di 160mila euro ha consentito l’installazione di apparecchiature per la telemedicina in Toscana e l’acquisto di dispositivi medici ed informatici.

L’ecocardiografia on-line al letto del paziente permette di effettuare una diagnosi precoce e rapida, i professionisti si confrontano e decidono l’approccio terapeutico e l’eventuale trasferimento in Centri più idoneo per trattare quella patologia. L’esame permette inoltre di evitare spostamenti inutili quando può essere estremamente difficoltoso e a volte improponibile .

Dopo la sperimentazione del progetto in diversi paesi dell’area balcanica, l’esperienza del sistema di teleconsulto adottato, in collaborazione con il Cnr Pisa, ha dato risultati positivi ed è stato esteso nell’ambito della Regione Toscana attraverso l’installazione di dieci postazioni di teleconsulto in vari centri (già attivati negli ospedali di Portoferraio, Empoli, Lucca, Pontremoli, Viareggio, Arezzo, Bibbiena Montepulciano, Prato e Pistoia).

Il sistema di teleconsulto tra specialisti in tre fasi:

fase 1- “Real time” videoconferenza, interazione audio/video tra operatore (postazione ecografista) e il consulente (postazione specialista) con trasmissione in diretta delle immagini ecografiche

fase 2- “Store-And-Forward” registrazione delle immagini ecografiche ed invio al server per consentire una diagnosi definitiva

fase 3 – “Documentazione teleconsulto” cartella clinica informatizzata accessibile a distanza nel sistema informatico Fondazione Toscana Gabriele Monasterio, tutto ciò con l’acquisizione del consenso informato.

Tag